Sorsi di letteratura con le tazzine di carta by Cecilia Levy

Che tè e letteratura siano un binomio inscindibile è da tempo risaputo,  non a caso molti autori, più o meno recenti, hanno decantato nelle loro opere le virtù di questa bevanda, ponendo l’accento su come questa riuscisse, nella sua semplicità, a creare un’atmosfera calda e conviviale, sia che si fosse in solitudine che in compagnia.

Solo per fare qualche esempio Henry James scrive:

Nella vita ci sono poche ore più piacevoli dell’ora dedicata alla cerimonia del tè pomeridiano“.

oppure Paul Verlaine:

“..L’ ora del tè fumante e dei libri chiusi, la dolcezza di sentire la fine della sera, la stanchezza incantevole e l’adorata attesa dell’ombra nuziale e della dolce notte.”

O il poeta russo Alexander Puskin:

“L’estasi è una tazza di tè e un dolce di zucchero in bocca.”

                                                             Tea time by Louise Abbema                                                              Credits: http://www.daydaypaint.com

Ma se si andasse oltre tutto ciò? Se le pagine dei romanzi non fossero solo un accompagnamento al rito del tè, ma ne diventassero in tutti sensi parte?

Pura follia? No, creatività! Un’ispirazione in grado di mixare la nostalgia retrò per il passato e l’attenzione per l’ambiente quella  dell’artista svedese Cecilia Levy, che utilizzando le pagine di vecchi libri e fumetti, ha realizzato una serie di tazze, teiere e piattini per il tea time… letterario!

Alcuni amanti della lettura potrebbero storcere il naso, o addirittura urlare al sacrilegio , ma forse, sapendo che altrimenti i testi usati sarebbero andati al macero, tireranno un sospiro di sollievo, apprezzando il riciclo creativo!

Un’idea nata non solo da un’indubbia passione per la lettura, ma anche grazie all’esperienza del precedente lavoro di rilegatrice, che la portò, a partire dal 2009 a creare oggetti in 3D usando la carta. Un mestiere ora totalmente stravolto e riadattato all’esigenza artistica:non più assemblare pagine già esistenti, ma stracciare vecchi testi per trasformarli in nuovi oggetti, così che le parole stampate non vadano perse, ma continuino a vivere sotto mutate spoglie.

Owl, 2012

Tazza della collezione “Spiderman”, realizzata con le pagine dei fumetti.          Credits: www.cecilalevy.com

Comic cup, 2011

Tazza della collezione “Spiderman” realizzata con le pagine dei fumetti.          Credits: www.cecilialevy.com

Comic cup, 2011

Tazza della collezione “Spiderman”, realizzata con le pagine dei fumetti.                    Credits: www.cecilialevy.com

Insomma, possiamo dire che la nostra artista abbia trovato il modo per mettere d’accordo bookeaters e tea lovers! Chissà che il prossimo anno non si possano ammirare le sue opere anche al Salone Internazionale del libro di Torino (che ormai è agli sgoccioli), il cui tema di quest’anno era “oltre il confine”.  Noi restiamo in attesa di eventuali sviluppi!

E voi che ne pensate? Attendiamo i vostri commenti!

Fonte: www.boredpanda.com

Annunci

2 thoughts on “Sorsi di letteratura con le tazzine di carta by Cecilia Levy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...