È l’ora del tè a Palazzo Madama: il tea time in occasione della mostra “Il Mondo in una tazza”

In una giornata dall’aria primaverile, in cui il centro città brulica di persone, che girano a caccia di acquisti, o che pazientemente fanno la fila ai musei (dato che è la prima domenica del mese e l’ingresso è gratuito), non c’è niente di meglio che astrarsi dalla frenesia cittadina con un buon tè, se poi il luogo è Palazzo Madama a Torino, non si può proprio dir di no!

L’occasione?

Il tea timeÈ l’ora del tè” organizzato da Arte in Torino, domenica 1° marzo, in occasione della mostra “Il Mondo in una tazza“, visitabile fino al 19 aprile 2015.

La mostra "Il Mondo in una Tazza" al secondo piano di Palazzo Madama.

La mostra “Il Mondo in una Tazza” al secondo piano di Palazzo Madama.

Simonetta Pozzati, guida di Arte In Torino, ci ha fatto viaggiare da Oriente a Occidente con il suo tour tra le vetrine della mostra allestita al secondo piano di Palazzo Madama.

Dunque la Cina non è solo la patria del tè, ma anche della porcellana finissima, qui utilizzata per servire questa bevanda pregiata.

Gli Europei la scoprono e subito ne vogliono carpire i segreti per evitare le lunghe e rischiose traversate oceaniche. Detto fatto. Dopo vari tentativi viene finalmente scoperto l’ingrediente X per produrla anche nel Vecchio Continente: il caolino.

A partire dal ‘700, dunque si ha un tripudio di produzioni in porcellana finissima, che in un primo momento si ispirano al mondo cinese, sia per i decori, prevalentemente bianchi e blu, sia per i soggetti rappresentati.

Mostra “Il mondo in una tazza” – Palazzo Madama Torino

Successivamente l’ispirazione si fa più di stampo europeo, con decori che richiamano la natura, il mondo animale e soprattutto i racconti della mitologia, tema all’epoca in gran voga anche in dipinti ed affreschi.

Mostra “Il mondo in una tazza” – Palazzo Madama – Torino.

Mostra “Il mondo in una tazza” – Palazzo Madama – Torino.

Il servizio da tè, caffè (composto da tazzine con il bordo più basso) o cioccolata (tazze con bordo più alto) diventa un regalo di tutto rispetto, al punto che si fa quasi a gara a chi regali il più costoso o minuziosamente decorato.

Vera chicca della mostra è la trembleuse di Vienna, una tazza con decori floreali che ha la particolarità di avere il piattino abbinato attaccato, in modo che nessuna goccia del prezioso liquido contenuto venga sprecato da un ospite maldestro. Altra particolarità è la superficie forellata che permette di vedere dall’esterno il tipo di bevanda che si sta consumando.

Trembleuse di Vienna alla mostra “Il Mondo in una tazza” – Palazzo Madama – Torino.

Successivamente, si passa al nostro tea time!

La bellissima luce che filtra dalle ampie vetrate della veranda del Caffè Madama (di cui ho già parlato qui) ci regala un’atmosfera davvero unica. Gli spazi ariosi, i colori chiari e gli intarsi ci riportano indietro nel tempo ricordandoci il lusso delle sale da tè esclusive, dove si incontrava la borghesia sabauda.

Adoro questo luogo. Adoro come, da qui, si possa osservare in tutta tranquillità il fluire della vita torinese nella centralissima piazza castello, il cielo azzurro intenso e come si possa respirare al contempo il profumo del passato che armonicamente si fonde al presente.

              E’ l’ora del tè – Caffé Madama – Palazzo Madama – Torino

         E’ l’ora del tè – Caffé Madama – Palazzo Madama – Torino

Unica regola da seguire per gli ospiti: non sedersi vicino a qualcuno che si conosce già, perché l’intento è proprio quello di creare la convivialità tra perfetti sconosciuti, utilizzando come pretesto il tè. Un indicazione un po’ difficile da seguire per noi torinesi, che siamo così riservati e amiamo viaggiare in gruppetti.

L’esperimento devo dire che funziona, mi ritrovo infatti in un tavolino con altre tre ragazze sconosciute, con cui mi metto a ciarlare amabilmente di consigli su tè, dolci e pettegolezzi vari.

E’ l’ora del tè a Palazzo Madama – Torino. (Fonte: Theatrum Sabaudiae Torino)

Ad animare il nostro tea time in perfetto stile inglese, con sandwiches (prima) e scones e shortbreads (poi), sono i racconti e le curiosità di Simonetta e Nicoletta de Sibert, figlia di un ambasciatore e dunque avvezza da tempo all’elegante rito del tè in società.

Da sinistra: Nicoletta de Sibert e Simonetta Pozzati – Palazzo Madama –         Torino.

Unica grande assente, ma che noi ci auguriamo possa deliziare gli ospiti nel prossimo incontro del 29 marzo, la Victoria Sponge, immancabile protagonista dell’afternoon tea inglese.

                           E’ l’ora del tè – Palazzo Madama – Torino

Se anche voi siete curiosi di partecipare, cliccate qui per prenotare il vostro posto e trascorrere una domenica diversa dal solito.

Annunci

One thought on “È l’ora del tè a Palazzo Madama: il tea time in occasione della mostra “Il Mondo in una tazza”

  1. Pingback: Il fascino della porcellana rivive da Prochet con la mostra “Il tempo di una tazza” | The Little Tea Room

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...