Sonno o stanchezza? Una tazza di tè vi rimetterà a nuovo!

Quando cala la palpebra e al contrario dovremmo avere la mente bella pimpante, per ragioni di lavoro o personali, affidiamoci a una tazza di tè (anche freddo, vista la stagione calda) per mantenere la concentrazione mentale. Questa proprietà era già nota nel III secolo a un famoso erborista cinese chiamato Hua Tou, che lo consigliava a chi dovesse restare sveglio per lungo tempo.

dacd86c729771670b7578367ed4fe6e0

Esiste anche una leggenda, a mio parere un po’ macabra, che vuole sottolineare il potere stimolante del tè sul sistema nervoso, eliminando rapidamente in chi l’assume il senso di stanchezza mentale e la sonnolenza.

“La leggenda narra che Bodhiharma, monaco indiano che attorno al 500 d.C. si recò in Cina, rimase per nove lunghi anni seduto in meditazione in una grotta nei pressi di Shaolin. Qui, per non cadere in preda al sonno, che l’avrebbe distolto dalla meditazione, annebbiandogli e confondendogli il pensiero, si tagliò le palpebre e le gettò a terra. Nel punto in cui caddero le ciglia, sarebbe cresciuta una pianticella di tè.”

camelia-sinensis

Gli stessi monaci buddhisti l’utilizzavano per restare vigili durante le lunghe ore di meditazione, seppur consumandola in una forma diversa da quella attuale. Le foglie di tè venivano infatti prima cotte a vapore, poi pestate in un mortaio e infine aggiunte in un calderone in cui bollivano spezie, verdure e addirittura cipolle! Piano piano gli altri ingredienti vennero eliminati e rimase solo il tè

Per avere il primo tè zuccherato, dobbiamo aspettare l’arrivo dell’epoca moderna e lo sviluppo commerciale della canna da zucchero nelle colonie inglesi.

2bb7166b4b302323cb3a8cfcda482c68

Fonte: ajaytao2010.wordpress.com

In particolare, le proprietà eccitanti del tè sono dovute a tre alcaloidi, contenuti nelle sue foglie: la caffeina (o teina, sono la stessa molecola), la teofilina e la teobromina. La caffeina stimola il cuore e il sistema nervoso centrale, gli altri due componenti agiscono invece sulla muscolatura scheletrica, con un’azione rilassante della respirazione.

3f6c1698ef7a6f54192167c445af8f08

Ora non avrete più scuse per cedere ai momenti di “abbiocco” post pranzo, o (parlo a voi studenti maturandi e universitari alle prese con gli esami) per farsi una bella dormitina sui libri, mentre state studiando…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...